Bacheca addio

April 9th, 2008

Addio vecchia bacheca traboccante foglietti, post-it e volantini con un turbinio di annunci per affittare casa o vendere e comprare di tutto, dai libri usati agli appunti delle lezioni, dalla moto al pc. Oppure per scoprire happy hour, serate musicali e feste in discoteca, per sorridere degli sfottò di questo o quel laureando o professore. Al Politecnico va in pensione la “giurassica” bacheca in cui s’affastellano i messaggi di carta, e arriva la bacheca virtuale interattiva, in cui gli annunci si copiano o si “appiccicano” con il bluetooth passando a pochi metri (al massimo 10) dallo schermo, o via sms sul telefonino. Più avanti si potrà dialogare con la bacheca da casa, con il pc.

E’ una delle innovazioni del “mobiie campus” presentato ieri al Poli, primo seme della «mobile city» di cui il rettore Francesco Profumo ha parlato con il sindaco, interessato ad estendere l’innovazione alla città, magari cominciando dai mezzi pubblici.

Chi rimpiange il caotico e colorato disordine dei bigliettini, sappia che la bacheca interattiva del Poli, unica in Italia, può contenere molte centinaia di annunci, e pure video e immagini. Elimina la prepotenza di chi stacca o copre con i propri biglietti gli atrui, é ordinata, chiara, evita il fastidio di copiare a mano testi e numeri di telefono e consente di scaricare decine di annunci anche a distanza. Lo schermo interattivo, in cui i messaggi cambiano ogni 38 secondi, é figlio del lavoro di un team, a cominciare dai maghi del software dell’ateneo guidati dal professor Enrico Macii e da Torino Wireeless, nell’ambito, ha spiegato ieri Rodolfo Zich, dei progetti di sostegno delle imprese innovative. Ne é stata coinvolta più di una: EXITone, oltre a SeacO2 e Rivetti Grafica.

I privati contano, in futuro, di vendere le bacheche, ad esempio alle imprese immobiliari o in ambito ospedaliero, per numeri e orari dei medici. Sugli schermi del Poli, ha spiegato il rettore Profumo, comparirà anche una parte di annunci dell’ateneo, dalle date e gli orari di esami e lezioni a notizie dalle facoltà. Per ora arriverà una prima bacheca multimediale, che testerà la bontà del servizio agli studernti in una versione sperimentale.

Per l’autunno, con l’inizio del nuovo anno accademico, gli schermi ad alta definizione diverranno 9, diversi dal prototipo oggi disponibile perché si terrà conto dei suggerimenti che verranno dai ragazzi. Potrebbero servire schermi touch-screen, per leggere le videate sfogliando le pagine elettroniche a piacimento. «Le matricole di settembre — ha aggiunto il rettore — saranno le prime nate con Internet. Gli atenei devono attrezzarsi ad offrire servizi nuovi, che tengano conto della loro modalità di apprendimento e della capacita di relazionarsi con i linguaggi elettronici». Gli studenti accederanno agli annunci con un apposito pin, mentre i privati, ad esempio chi affitta appartamenti, avranno uno sportello. Di sicuro, i messaggi di carta hanno le ore contate. Un gruppetto di dipendenti è gia stato incaricato di staccare sistematicamente gli annunci disseminati ovunque.

“La Stampa”

Leave a Reply






Augmented World Expo

4-5 June

Santa Clara (CA)

Booth 75

AR-Code

Mobile Augmented Reality Platform.
Coming soon!

Seac02 Blog

Read about our stories!


Warning: implode() [function.implode]: Invalid arguments passed in /var/www/seac02_network/common/functions/urls.inc on line 37