Bacheca addio

April 9th, 2008

Addio vecchia bacheca traboccante foglietti, post-it e volantini con un turbinio di annunci per affittare casa o vendere e comprare di tutto, dai libri usati agli appunti delle lezioni, dalla moto al pc. Oppure per scoprire happy hour, serate musicali e feste in discoteca, per sorridere degli sfottò di questo o quel laureando o professore. Al Politecnico va in pensione la “giurassica” bacheca in cui s’affastellano i messaggi di carta, e arriva la bacheca virtuale interattiva, in cui gli annunci si copiano o si “appiccicano” con il bluetooth passando a pochi metri (al massimo 10) dallo schermo, o via sms sul telefonino. Più avanti si potrà dialogare con la bacheca da casa, con il pc.

E’ una delle innovazioni del “mobiie campus” presentato ieri al Poli, primo seme della «mobile city» di cui il rettore Francesco Profumo ha parlato con il sindaco, interessato ad estendere l’innovazione alla città, magari cominciando dai mezzi pubblici.

Chi rimpiange il caotico e colorato disordine dei bigliettini, sappia che la bacheca interattiva del Poli, unica in Italia, può contenere molte centinaia di annunci, e pure video e immagini. Elimina la prepotenza di chi stacca o copre con i propri biglietti gli atrui, é ordinata, chiara, evita il fastidio di copiare a mano testi e numeri di telefono e consente di scaricare decine di annunci anche a distanza. Lo schermo interattivo, in cui i messaggi cambiano ogni 38 secondi, é figlio del lavoro di un team, a cominciare dai maghi del software dell’ateneo guidati dal professor Enrico Macii e da Torino Wireeless, nell’ambito, ha spiegato ieri Rodolfo Zich, dei progetti di sostegno delle imprese innovative. Ne é stata coinvolta più di una: EXITone, oltre a SeacO2 e Rivetti Grafica.

I privati contano, in futuro, di vendere le bacheche, ad esempio alle imprese immobiliari o in ambito ospedaliero, per numeri e orari dei medici. Sugli schermi del Poli, ha spiegato il rettore Profumo, comparirà anche una parte di annunci dell’ateneo, dalle date e gli orari di esami e lezioni a notizie dalle facoltà. Per ora arriverà una prima bacheca multimediale, che testerà la bontà del servizio agli studernti in una versione sperimentale.

Per l’autunno, con l’inizio del nuovo anno accademico, gli schermi ad alta definizione diverranno 9, diversi dal prototipo oggi disponibile perché si terrà conto dei suggerimenti che verranno dai ragazzi. Potrebbero servire schermi touch-screen, per leggere le videate sfogliando le pagine elettroniche a piacimento. «Le matricole di settembre — ha aggiunto il rettore — saranno le prime nate con Internet. Gli atenei devono attrezzarsi ad offrire servizi nuovi, che tengano conto della loro modalità di apprendimento e della capacita di relazionarsi con i linguaggi elettronici». Gli studenti accederanno agli annunci con un apposito pin, mentre i privati, ad esempio chi affitta appartamenti, avranno uno sportello. Di sicuro, i messaggi di carta hanno le ore contate. Un gruppetto di dipendenti è gia stato incaricato di staccare sistematicamente gli annunci disseminati ovunque.

“La Stampa”

La bacheca del Politecnico diventa Virtuale

April 9th, 2008

Bacheche virtuali e video multimediali sbarcano al Politecnico: è la nuova era accademica quella che si affaccia su corso Einaudi, con le prime 10 bacheche virtuali per ingegneri e architetti, che tramite la bacheca comunicherenno con colleghi e docenti (ma anche con gli estemi) utilizzando il cellulare o il portatile, mandando avvisi, annunci, richieste e vi prenderanno informazioni, orari, novità, ma anche messaggi pubblicitari.

E’ l’addio delle vecchie bacheche stracolme di fogli, bigliettini e comunicazioni disordinate, che dal Poli spariranno del tutto: «Questo strumento di comunicazione rientra in un progetto di piu ampio respiro, di innovazione tecnologica — ha spiegeto ieri il rettore Profumo — che punta a fare dell’Ateneo un mobile-campus, che speriamo al più presto inserito in un circuito cittadino anch’esso mobile, all’inglese. Gli atenei devono dotarsi di strutture diverse, con aule e luoghi interattivi di socializzazione, di maggiore apertura».

Gli ennunci sono caricabili e scaricabili con il cellulare ovunque e in qualsiasi momento, e gli utenti abiliteti da codici personali di riconoscimento: sono circa 20 mila gli studenti che frequenteno ogni giorno il Poli. L’idea della bacheca a servizio della community accademica è nata lo scorso ottobre, e a presentarla ieri in rettorato, insieme al rettore, gli autori: Rodolfo Zich, presidente di Torino Wireless, Ezio Bigotti di Exitone, Andrea Carignano di Seac02 e Giorgio Rivetti delle Rivetti Grafica.

Ma il progetto, già adottato in casa Fiat, non si fermerà qui: «Considerate la sua flessibilità, la bacheca può essere applicata anche in altri ambiti, come nel settore ospedaliero», ha aggiunto il presidente di Torino Wireless, Rodolfo Zich.

“Repubblica”

Turin Polytechnic: High Definition noticeboards coming soon (AGI and ADNKRONOS)

April 8th, 2008

No more noticeboards at the Turin Polytechnic from the next scholastic year. The old spaces where tens of paper notes were attached with phone numbers to look for and offer student tuition, second-hand textbooks and accommodation will be replaced by 10 high definition screens spread throughout the corridors of the Turin college, the first will be switched on this week. Not only that, the messages may be uploaded and downloaded free via the Bluetooth system in all mobile phones. The system, developed by a series of societies that work within the Polytechnic and are co-ordinated by Turin wireless, effectively cost the university nothing as, beside the messages, it will be possible to insert advertisements, which will pay for the investment of around 2,000 – 3,000 Euros per virtual noticeboard.

«The system is designed to include didactic services — explains the rector Francesco Profumo —. Now we supply an SMS service to inform if a lesson is cancelled or changes classroom at the last minute». The virtual noticeboards will also be open to people outside of the Polytechnic, who will, however, be filtered for security reasons. There will be no limit to the fantasy of the students’ messages, who will have a personal Pin number and will be able to insert not only text but sounds and images, all downloadable via Bluetooth.

“AGI”

Tens of paper notes of varying colour and size with telephone numbers to tear off and keep and with announcements such as “room for rent”, “tuition offered”, “mechanical engineering books for sale, practically new”, “singer seeking group”, “want to study and work? Call me and I’ll tell you how”. From today, the Turin Polytechnic is the first Italian university to retire, and to substitute with an updated version, one of the objects known to all colleges, the traditional noticeboard that is now replaced by the more modern virtual and video multimedia noticeboards.

The project, the fruit of collaboration between the Polytechnic, the Turin Wireless Foundation, the coordination structure of the Piedmont region dedicated to IT, and EXITone Spa, is included in the path of technological innovation followed by the Turin college which aims to have a single instrument to transfer information to the students, but also to have a means of interactive communication for those who attend the university and users in general. So, today sees the beginning of a first experimental version of the virtual noticeboard that provides a section dedicated to announcements by students for students, visible on the noticeboard monitor but also uploaded and downloaded directly from any mobile phone within a 10m radius. Users will be authorised to receive and advertise messages thanks to a five-digit Pin code and security of information is guaranteed thanks to authentication via the web which certifies the identity of the user.

«Innovation and technology are inherent in polytechnic culture — underlines the Rector, Francesco Profumo — and so it is clear that the college moves to keep apace with the times and possibly to act as pioneer. As such the virtual noticeboards will be ever more an integral part of the college and its community»

“ADNKRONOS”

University: Goodbye to old noticeboards, at Turin they’re virtual (ANSA)

April 8th, 2008

«Innovation and technology — exclaimed the rector Profumo — are part of the polytechnic culture and so it is clear that the university moves to keep apace with the times and possibly to assume the role of pioneer. Virtual noticeboards will be ever more an integral part of the university and its community».

«Turin Wireless — added the ex rector Zich — has been the promoter of the project that unites various Piedmont enterprises and the Turin Polytechnic in the combined development of an innovative solution and market potential». The virtual noticeboard is already used by some multinational companies, in Italy by Fiat, and could also have scope in the property management environment. Its cost is around 2,000 – 3,000 Euros.

The virtual noticeboards of the Polytechnic, aside from the outer aspect, are very similar to their paper sisters. Announcements are visible in Post-it format, with the difference being that they are uploaded and downloaded directly via mobile phone. Users have authorised access to the publication of messages by way of a five-digit Pin code. A contributor to its realisation is Rivetti Grafica of Turin which manages the publicity on public and metropolitan transport.

“ANSA”

Augmented World Expo

4-5 June

Santa Clara (CA)

Booth 75

AR-Code

Mobile Augmented Reality Platform.
Coming soon!

Seac02 Blog

Read about our stories!


Warning: implode() [function.implode]: Invalid arguments passed in /var/www/seac02_network/common/functions/urls.inc on line 37