Seac02 “augments” The Others catalogue title page and launches the non-profit Art Project

November 8th, 2012

To coincide with the release of the AR-Code app on the Apple App Store, the project specifically for Augmented Reality artists.

AR-Code

AR-Code

It enables artists to experiment with expressive and narrative possibilities in Augmented Reality. With this objective in mind, Seac02 has begun collaborating with The Others, an international promotional project dedicated to emerging contemporary art, and will participate in an exhibition scheduled from the 9th to 11th November 2012 (Stand A17).

Art Project is a non-profit operation hosted on the new mobile application for Augmented Reality AR-Code, created by Seac02, and available free of charge on the Apple App Store. Starting in November, the platform will host works by various artists, rotated monthly, wishing to explore his or her creative boundaries by integrating Augmented Reality as part of their artistic experience.

Together with The Others, the first artists were selected to bring this project to life: use of their “augmented” works, thanks to AR-Code technology, can be accessed after downloading the application. By framing the work on your I-phone screen, you can interact with extra digital content superimposed on the actual content. Therefore, the user can access a virtual, hidden narrative component added to the physical one.

There are three artistic experimental explorations during The Others. The first relates to the title page of the catalogue by The Others created by PrintAboutMe. The bee mass composing the magic image on the cover, metaphorically inspired by the mass of people circling around the exhibition and cooperating in an efficient and collaborative manner, is transformed into a dynamic element that invades the screen of your device.

The origins of meat by Uli Westphal (presented to The Others by the NOPX Gallery in Turin) is the second work. Here, the artist reflects upon the cognitive and experimental gap that separates the food we eat from its origin, finding in Augmented Reality a type of representation. Where the work shows a pork fillet, some steak or a chicken breast, the virtual interactive form allows you to interact with what you don’t normally see in the supply chain.

The Others by Antje Rieck is the third work. The flexed body of a woman becomes the surface on which your soul can flow, in a digital and augmented manner, your soul being the shuttle that leads to dreams, the link that connects you to the rest of the world.


PrintAboutMe is a project to defend alternative and independent contemporary art graphics, managed by the association Arteco, by the Inamorarti laboratory, the Ohne Titel Grafik print shop, the artist/illustrator Moisi Guga and, since 2012, also the FART gallery. PrintAboutMe was founded as an international competition for artistic print aimed at artists under 40 which is held annually. The first edition saw 28 works selected, followed by a travelling exhibition. In 2012, other than promoting the second edition of the competition, PrintAboutMe became an editorial project with PrintAboutMe Micro-Press editions. In May of the same year the first edition of Ménage à Trois was inaugurated, an artistic residence dedicated to the creation of graphic art work, whose protagonists include a printer, an artist and a video-maker.

Uli Westphal was born in 1980 in Bochum Germany. Having studied at the Academy of Fine Arts in Enschede (Holland), he moved to the United States and then Berlin where he now lives and works. Uli Westphal develops his work ranging from installations, photography, sculptures, audio and animation on what is depicted by natural phenomena. Since 2004 he has been involved in various artistic experiences in Germany, Holland, China, The United States and Italy. He is considered a methodical researcher and a critical, orderly collector. He is also a careful observer of market dynamics, especially foodstuffs, where he unveils different aspects, often coinciding with the term “natural”.

Antje Rieck was born in Ulm, Germany in 1970 and is a sculpture graduate of the Academy of Fine Arts in Turin. Her sculptures integrate numerous theoretical approaches, juxtaposing different genre and processes within the confines of a single work, at times expanding through natural growth or sequence into other media forms such as photography, video and interactive installations. By using these different techniques, Antje demonstrates her ability to handle and harmonise contemporary media with Neo-Classic busts and more futuristic bodily expressions. In 2011, she was invited to the Venice Biennale as a guest at the “Glasstress” exhibition. Other than international commitments, Antje Rieck was asked to create a sculpture installation to mark the anniversary of the massacre in Fosse Ardeatina in the former Italgas workshops in Rome in 2006. From 2006 to 2010 she designed and supervised set building in the Regio Theatre in Turin for “Il Segno del Chimico” and “Acqua” by the Merz Foundation.

AR-Code

AR-Code

Seac02 “aumenta” la cover del catalogo The Others e lancia il progetto no profit Art Project

November 8th, 2012

In concomitanza con l’uscita dell’app AR-Code su Apple App Store, nasce il progetto dedicato a mettere a disposizione degli artisti l’Augmented Reality.

AR-Code

AR-Code

Permettere agli artisti di sperimentare le opportunità espressive e narrative della Realtà Aumentata. Con questo obiettivo **Seac02 **ha intrapreso la collaborazione con The Others, progetto espositivo internazionale dedicato all’arte contemporanea emergente, e partecipa alla manifestazione in programma dal 9 all’11 Novembre 2012 (stand A17).

Art Project è l’operazione no profit ospitata all’interno della nuova applicazione mobile per Augmented Reality AR-Code, prodotto di Seac02, disponibile gratuitamente su Apple App Store. A partire da Novembre, la piattaforma ospiterà, con una rotazione mensile, l’opera di un diverso artista che avrà voluto esplorare la propria frontiera creativa integrando la Realtà Aumentata nell’esperienza artistica.

Insieme a The Others, sono stati selezionati i primi artisti che daranno vita al progetto: la fruizione delle loro opere “aumentate”, grazie alla tecnologia AR-Code, è accessibile dopo aver scaricato l’applicazione. Inquadrando l’opera all’interno dello schermo del proprio I-phone, è possibile interagire con un **extra contenuto digitale che si sovrappone a quello reale. **L’utente ha così accesso a una componente narrativa virtuale e nascosta che si aggiunge a quella fisica .

Tre sono le esplorazioni artistiche sperimentabili nel corso di The Others. La prima riguarda la copertina del catalogo **di **The Others **realizzata da **PrintAboutMe. La massa di api che costituisce l’oggetto grafico principale della cover, metaforicamente ispirato alla massa di persone che circuitano attorno alla manifestazione cooperando in modo efficiente e collaborativo, si trasforma in un elemento dinamico che invade lo schermo del proprio device.

**The origins of meat di Uli Westphal **(presentato a The Others dalla galleria NOPX di Torino) è la seconda opera. Qui, la riflessione dell’artista intorno al gap conoscitivo ed esperienziale che separa il cibo che mangiamo dalla sua origine, trova nella Realtà Aumentata una forma di rappresentazione. Dove l’opera mostra una cotoletta di maiale, una bistecca di manzo e un petto di pollo, quella interattiva virtuale permette di interagire con ciò che non ci è concesso vedere della filiera.

**The Others di Antje Rieck **è la terza opera. Il corpo flesso di una donna diventa la superficie su cui far scorrere, in maniera digitale e aumentata, l’anima, la navicella che conduce ai sogni, il filo che permette di essere connessi al resto del mondo.


PrintAboutMe è un progetto in difesa della grafica d’arte contemporanea, alternativa e indipendente, curato dall’associazione Arteco, dal laboratorio Inamorarti, dalla stamperia Ohne Titel Grafik, dal grafico / illustratore Moisi Guga e, a partire dal 2012, anche da FART gallery. PrintAboutMe nasce come bando internazionale di stampa d’arte rivolto ad artisti under 40 che si tiene con scadenza annuale. La prima edizione ha selezionato 28 lavori a cui è seguita una mostra itinerante. Nel 2012, oltre a promuovere la seconda edizione del bando, PrintAboutMe diventa progetto editoriale con le edizioni PrintAboutMe Micro-Press. Nel maggio dello stesso anno inaugura la prima edizione di Ménage à trois, residenza d’artista dedicata alla creazione di un’opera di grafica d’arte, i cui protagonisti sono uno stampatore, un artista e un video-maker.

Uli Westphal è nato nel 1980 a Bochum in Germania. Dopo gli studi presso l’Accademia delle Belle Arti di Enschede (Olanda) si trasferisce negli Stati Uniti e poi a Berlino dove oggi vive e lavora. Uli Westphal sviluppa il suo lavoro spaziando tra installazioni, fotografia, sculture, audio e animazione su ciò che è rappresentato dai fenomeni naturali. Dal 2004 è impegnato in numerose esperienze artistiche tra Germania, Olanda, Cina, Stati Uniti e Italia. E’ considerato un ricercatore metodico, un collezionista, critico, ordinato. Nonché attento osservatore delle dinamiche del mercato specie alimentare nei confronti del quale compie azioni di disvelamento del diverso, che spesso coincide con il termine “naturale”.

Antje Rieck nasce a Ulm, Germania nel 1970 e si diploma in scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Torino. Le sue sculture integrano numerosi approcci teorici, giustapponendo generi e processi diversi entro i confini di un’unica opera, a volte espandendosi per naturale crescita o sequenza su altri media come fotografia, video e installazioni interattive. Attraverso l’uso delle diverse tecniche Antje dimostra la propria abilità nel manipolare e armonizzare i media contemporanei con i busti neoclassici e le espressioni corporee più futuristiche. Nel 2011 è stata ospite della Biennale di Venezia nell’ambito della mostra “Glasstress”. Oltre ai committenti internazionali, Antje Rieck è stata chiamata a creare un’ installazione scuoltorea per l’anniversario del massacro delle Fosse Ardeatina presso le Ex-Officine Italgas di Roma nel 2006. Dal 2006 al 2010 ha progettato e supervisionato la costruzione delle scenografie del Teatro Regio di Torino per “Il segno del Chimico” e “Acqua” della Fondazione Merz.

AR-Code

AR-Code

Jeep gets its first interactive campaign with Seac02

October 4th, 2012

A new way to enjoy Augmented Reality communication contents through AR-Code technology is part of I am Jeep Mobile app.

IMG00315-20121002-1035

In conjunction with Jeep Grand Cherokee S Limited new commercial’s on air, I am Jeep Mobile Customer Care update application, featuring an Augmented Reality functionality created by Seac02, comes in Apple Store.

I am Jeep Mobile is the first mobile app ready to be integrated with AR-Code, an innovative Augmented Reality mobile platform made by Seac02 to enjoy AR interactive contents issuing from traditional ADV print campaigns. Setting mobile phones on Jeep print advert, since this month interactive digital contents will be unveiled to users.

Seac02 advanced technology enables to turn Augmented Reality into a mobile always-on communication channel that can give readers user-led enriched and entertaining information.

AR-Code free browser for Augmented Reality contents will be available starting from the end of October on Apple Store and then on Android devices (since now you can subscribe to the mailing list and be notified when the app will be on line).

AR-Code aims to add Augmented Reality in day-by-day life as it allows all kind of press to be alive and interactive. Brands and companies can take advantage of value added ADV campaigns as well as institutions.

For more info: press@seac02.it tel: +39 011.197.00.652 www.seac02.it

www.ar-code.it https://twitter.com/ar_code

Jeep, in collaborazione con Seac02, lancia la sua prima campagna interattiva

October 4th, 2012

All’interno dell’applicazione I am Jeep Mobile, un nuovo modo di fruire contenuti di comunicazione in realtà aumentata, basato su tecnologia AR-Code.

IMG00315-20121002-1035

In concomitanza con la messa on air del nuovo spot dedicato al lancio commerciale di Jeep Grand Cherokee S Limited, arriva sull’Apple Store l’update della applicazione Customer Care I am Jeep Mobile con il modulo Realtà Aumentata realizzato da Seac02.

I am Jeep Mobile è la prima applicazione a integrare** AR-Code, l’innovativa piattaforma di mobile Augmented Reality realizzata da Seac02** per la fruizione di contenuti interattivi basati sull’uso della realtà aumentata a partire da campagne stampa ATL tradizionali. Inquadrando le pubblicità di Jeep sulle riviste Class, AD in edicola questo mese gli utenti potranno interagire con contenuti digitali interattivi che compariranno sulla pubblicità stessa.

La tecnologia messa a disposizione da Seac02 consente di fare della realtà aumentata un **canale mobile always-on**, capace di fornire informazioni aggiuntive e di intrattenimento user-led.

Il free browser per realtà aumentata, AR-Code (www.ar-code.it) sarà disponibile a partire dalla fine di Ottobre su Apple Store e a seguire su supporti Android (ma è già possibile iscriversi alla mailing list per ricevere la notifica in anteprima). L’applicazione ha lo scopo di integrare la fruizione della realtà aumentata nella vita quotidiana, grazie alla possibilità di rendere vivi e interattivi i supporti stampa classici. Brands e aziende potranno usufruire della piattaforma per campagne branded ricche ed engaging, così come enti e istituzioni.


**Seac02 **(www.seac02.it) è una digital craft house con sede a Torino, leader mondiale nella realizzazione di software e soluzioni basate su Realtà Aumentata e Virtuale che collabora con aziende e professionisti allo scopo di incrementare il valore della tecnologia, basata sull’esperienza interattiva, in progetti di comunicazione digitale.

Per maggiori informazioni: press@seac02.it tel: +39 011.197.00.652 www.seac02.it

www.ar-code.it https://twitter.com/ar_code

Augmented World Expo

4-5 June

Santa Clara (CA)

Booth 75

AR-Code

Mobile Augmented Reality Platform.
Coming soon!

Seac02 Blog

Read about our stories!


Warning: implode() [function.implode]: Invalid arguments passed in /var/www/seac02_network/common/functions/urls.inc on line 37